Travaglia torna alle gare e lascia il segno.


E’ stata una gara da incorniciare quella conclusa lo scorso weekend dal campione Renato Travaglia, rientrante al Rally Val d’Orcia dopo tre anni di inattività. Il driver trentino coadiuvato da Luca Gelli ha scelto il team RB Motorsport e la Skoda Fabia R5 Evo per puntare chiaramente al podio di questa edizione della gara toscana. Nonostante la molta ruggine che doveva scrollarsi di dosso, ed essendo al debutto su di una vettura di classe R5, Travaglia con immutato spirito vincente prendeva il via della gara, dove il tempo incerto la faceva da padrone, decidendo una scelta di pneumatici un po’ azzardata, per tentare l’allungo sugli avversari già dalle prime due prove speciali. Ma tale scelta non è stata quella più vantaggiosa purtroppo. Il distacco patito sulle prime due speciali di fatto condizionava tutto l’andamento successivo della gara. Scelta di gomme a parte, le sue prestazioni sono state eccellenti, vincendo tre prove speciali su sei, e tentando il colpaccio fino all’ultimo, dove poi pagava un ritardo di soli quattro secondi e tre dal vincitore, con la beffa del secondo tempo totale a pari merito che però, per regola della discriminante, doveva accontentarsi del terzo gradino del podio. Una gara comunque davvero convincente quella del duo Travaglia-Gelli che potrebbe anche portarli a valutare un eventuale prosieguo di stagione, sempre con RB Motorsport. Buone le prestazioni anche per Tullio Versace che quest’anno affronterà tutta la stagione Raceday e CIRT con il team friulano. Per lui e la navigatrice Cristina Caldart, qualche piccolo intoppo sul tracciato che li ha privati di un paio di posizioni rispetto al comunque buon settimo posto assoluto finale. Per loro molta soddisfazione per una Skoda Fabia R5 Evo molto affidabile e performante, pronti per essere di nuovo nella mischia già dal prossimo Rally Valtiberina. Note positive anche per il terzo equipaggio in gara col team RB Motorsport; Paolo Epis a bordo della Peugeot 208 R2 ha condotto una gara molto interessante, accarezzando spesso la zona podio di classe. Purtroppo sull’ultima prova speciale una piccola divagazione fuori strada ha fatto retrocedere in classifica lui ed il suo copilota Simone Crosilla che dovevano accontentarsi del sesto posto finale.

Share on Google Plus

About Effemotori Telefriuli

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.