Mrc Sport al Rally Piancavallo Storico.

Quattro equipaggia targati MRC Sport hanno partecipato alla trentunesima edizione del “ Rally di Piancavallo ”, quest’anno dedicato alle auto storiche. La gara, organizzata dall’Automobile Club di Pordenone, ha ricalcato tre storiche prove speciali, ripetute per due volte: la classica “ Piancavallo ”, lunga 14,26 chilometri, la famosa “ Pala Barzana ”, lunga 11,07 chilometri e la “ Campone – Pradis ”, lunga 9,02 chilometri, per un totale di 68,70 chilometri di prove cronometrate su fondo catramato. La partenza e l’arrivo erano localizzati nel centro storico di Pordenone, dopo anni di assenza dalla città, e la cornice di pubblico ha dato un sapore diverso alla manifestazione. Per la scuderia MRC Tra i portacolori MRC, Diego Valente, detto “ Zeta ”, navigato da Giorgio Reffo, a bordo di una Lancia Delta Integrale, con il numero 6 sulle portiere, ha vinto la gara piazzandosi al  primo posto assoluto e al primo posto di classe. “ Ancora non ci possiamo credere – ha raccontato -  una giornata fantastica, sicuramente ancora non riusciamo a capire cosa abbiamo fatto. Questo era un rally che vedevamo da piccoli, dove vincevano grandi campioni con questa stessa macchina. La pioggia, il fango e il tanto acquaplaning aumentano il valore della nostra vittoria. La macchina, il team ed il navigatore sono stati tutti perfetti. ” Con il numero 19 sulle portiere, Christian Secondin, navigato da Raffaele Meneano, a bordo di una Volkswagen Golf GTI, ha concluso la propria giornata al settimo posto assoluto, e al secondo posto di classe. Questo il suo commento: “ La gara è andata bene, abbiamo fatto segnare qualche bel tempo, la macchina è stata perfetta, non abbiamo avuto nessun problema. Le prove speciali erano toste ed il tempo non ha aiutato, è bello essere arrivato al palco d’arrivo. ” Alessandro Prosdocimo con Marsha Zanet a bordo della sua Ford Escort RS, con il numero 12, ha concluso la propria gara al ventiduesimo posto assoluto e al quarto posto di classe. Queste le sue parole dopo la gara: “ E’ stata una bella gara e anche molto difficile. Fino all’ultima prova abbiamo patito un po’ di problemi al differenziale e anche al motore; infatti all’ultimo chilometro dell’ultima prova speciale è scoppiato il motore, ma siamo riusciti ad arrivare in fondo a spinta: per fortuna dal Piancavallo è tutta discesa. Comunque è stato divertentissimo, abbiamo fatto bene la seconda prova sulla Campone, dove abbiamo iniziato a trovare il feeling con la trazione posteriore. E’ stata una bellissima esperienza, sicuramente da rifare. Le prove erano complesse, c’era tanta acqua, è stata dura, quella che mi piaceva di più era sicuramente la Piancavallo ”. Andrea De Luna, affiancato da Denis Pozzo su BMW M3, con il numero 7 sulle fiancate, si è purtroppo dovuto ritirare. Queste le sue considerazioni: “ Non è andata. Sulla seconda prova speciale ci siamo girati e ci siamo appoggiati dentro un piccolo fosso; non siamo più riusciti ad uscirne, quando sarebbe bastata una piccola spinta, ma non c’era pubblico in quel tratto. Non abbiamo fatto danni ma ci siamo dovuti ritirare. Le prove speciali erano molto difficili con tanta acqua e foglie che le rendevano molto viscide.


Share on Google Plus

About Effemotori Telefriuli

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.